domenica, dicembre 11, 2005

Robert Mapplethorpe - Torino
Una delle due gonze è andata a prendere un po' di freddo nella patria della triade del male (Moggi, Giraudo e Bettega) e si è sparata una mostra di fotografia niente male.
Per chi non lo conoscesse, Mapplethorpe è stato uno dei fotografi che dagli anni '80 in poi ha avuto la fila fuori dalla porta formata da persone che volevano essere fotografate, ma soprattutto colui che ha elevato i nudi (e oltre) al rango di arte.
A prescindere dall'uso opinabile di alcuni strumenti sadomaso fatta dal fotografo, c'è da dire che per quanto uno sia fotogenico, non tutti fanno la stessa porca figura quando sono nudi. Ci sono una serie di ritratti di fiori, molto belli e di visi, molto intensi, ma sicuramente quello che mi ha colpito di più, e sfido chiunque a dire che non è così, sono i nudi di uomini di colore, che non lasciano assolutamente niente all'immaginazione.
Particolare è il fatto che all'interno della mostra ci sia anche una parte riservata, come la stanza dei film porno nelle videoteche, in cui la visione è sconsigliata a chi è facilmente turbabile. Quello che in realtà mi è rimasto impresso è che non ho notato molte differenze tra quello esposto dentro e quello che stava fuori, ma tant'è, io non sono un uomo e fortunatamente non mi sono venuti i complessi.
Se doveste trovarvi da quelle parti o la dovessero spostare vicino a voi, fatevi un giro, non costa poco, ma ci sono veramente tantissime foto e quelle dei fiori sono veramente belle ;-)))
Posta un commento