giovedì, marzo 16, 2006

"Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano" Eric-Emmanuel Schmitt, Edizioni e/o 8.50 €
Questo piccoli libro è una poesia.
E' una poesia per quello che racconta, è una poesia per come lo racconta, è una poesia per quello che ti lascia.
Quando un autore riesce a racchiudere dentro un libro un boquet di fiori profumati il cui odore rimane tanto a lungo, a mio modo di vedere ha scritto un capolavoro.
Non ho visto il film con Omar Sharif, ma i soliti ben informati me ne hanno parlato bene.
La storia è così bella che credo la rivedrò anche su pellicola; nessuno sarebbe in grado di rovinarla, anche con una pessima interpretazione.
Veramente un libro stupefacente.

2 commenti:

Plasson ha detto...

Ciao,
io ho letto più di un anno fa sempre suo: Oscar (il nome potrebbe non essere questo, non ricordo bene) e la dama in rosa.
Credo che sia l'ultimo libro letto, da un bel po', in grado di farmi piangere. Lui ne sa!

GONZO ha detto...

ne sa, ne sa....ora mi voglio leggere piccoli crimini coniugali, chissa' com'e'...
torna a trovarci, ciao gonzo (l'altra)