venerdì, settembre 09, 2011

CONFERENZA STAMPA 
Per la Presentazione della 
IV MARCIA INTERNAZIONALE 
PER LA LIBERTA'
DELLE MINORANZE E DEI POPOLI OPPRESSI
Venerdì 9 settembre 2011 
Roma, h 17 – Colosseo 
Parigi, h 18 – Statue de la Liberté – Pont de Grenelle 

Società Libera, associazione apolitica e apartitica, coerentemente con la sua concezione del liberalismo 
che riconosce centralità alla Persona e ai suoi diritti naturali, organizza per il 22 ottobre una Marcia 
silenziosa, per denunciare la mancanza di libertà di cui soffrono numerosi Popoli e Minoranze. La 
manifestazione si terrà simultaneamente, a partire dalle ore 15, a Roma, Parigi e Berlino
Per tre anni Società Libera ha organizzato a Roma una Marcia per la libertà dei popoli Birmano, 
Iraniano, Tibetano e Uyghuro. Quest’anno ritenendo che non basti più manifestare separatamente e 
per singole situazioni si è organizzata la Marcia contemporaneamente in tre capitali europee, 
ampliandone la causa in difesa della libertà di tutte le Minoranze e di tutti i Popoli oppressi. 
I Comitati Promotori di Roma, Parigi e Berlino, costituiti dai rappresentanti delle Comunità 
interessate, con questa iniziativa si propongono di coinvolgere le genti d’Europa nella difesa dei diritti 
umani. Ritengono che l’Occidente debba scuotersi e  mobilitarsi concretamente sulle condizioni di 
centinaia di milioni di uomini, e che l’Europa e gli organismi soprannazionali debbano assumere 
posizione a tutela delle minoranze, istituendo la Giornata Europea per la Libertà delle Minoranze e 
dei Popoli oppressi. 
La Conferenza Stampa di presentazione della Marcia si terrà venerdì 9 settembre, a Roma alle ore 17 
al Colosseo e a Parigi alle ore 18 sotto la Statua della Libertà del Pont de Grenelle. L’iniziativa vedrà 
la partecipazione di rappresentanti delle Minoranze e dei Popoli Promotori, di Società Libera e del 
Partito Radicale;  si concluderà con un lancio simbolico di palloncini recanti la scritta “Libertà” in 
varie lingue, e con un momento di preghiera tibetana per tutti i martiri dei popoli oppressi. 
I Comitati promotori fanno appello agli organi di stampa e agli operatori della comunicazione affinché
vogliano rilevare l’importanza e la specificità dell’iniziativa dandone la massima diffusione. 
Società Libera, Partito Radicale, Comunità Tibetana, Vietnamita, Birmana, Uyghura, Cabinda, Iraniana, 
Federazione dei Paesi Asiatici per il Diritti dell’Uomo, Partito Democratico Cinese, Comitato Vietnamita per 
i Diritti dell’Uomo.
Posta un commento