giovedì, aprile 19, 2007

POST ASSOLUTAMENTE AUTOREFERENZIALE -RAMMSTEIN RULES
dalla newsletter "Focus on entertainment"
Immagina un giovane genio... Stai pensando ad un ragazzo pulito, con gli occhiali, che ascolta musica classica e legge libri di filosofia? Niente di più sbagliato! Il ragazzo ad alto QI moderno è molto più vicino al personaggio rappresentato da Matt Damon in Will Hounting, di Gus Van Sant. Una recente ricerca guidata dallo psicologo Stuart Cadwallader, ordinario alla Università di Warwick, ha esaminato i gusti musicali di 1.057 ragazzi dagli 11 ai 19 anni membri di un'associazione di giovani geni: un terzo di questi ama e ascolta quotidianamente l'heavy metal. Niente Beethoven e Wagner, ma AC/DC e Motörhead. Perchè? Una possibile spiegazione potrebbe essere l'isolamento sociale, la fatica a inserirsi nel contesto delle amicizie e quindi il metal come valvola di sfogo per la rabbia. Ma il gusto musicale un po’ “deviante” potrebbe essere anche animato dalla voglia più o meno conscia di apparire, fra gli alti voti a scuola, un po' scapestrati. Inutile fare concettualismi, i giovani geni hanno già risposto: la musica metal li aiuta ad affrontare le pressioni. «La maggior parte delle persone pensa che i giovani più intelligenti ascoltino musica classica e spendano gran parte del loro tempo a leggere. Penso che questo sia uno stereotipo sbagliato - commenta lo psicologo Cadwallader - Esiste inoltre un altro luogo comune secondo cui l'heavy metal sia ascoltato da persone povere culturalmente e da giovani delinquenti, ma il nostro studio ha totalmente contraddetto ciò. I nostri ragazzi affermano di ascoltare questo genere musicale per ridurre il loro stress».
Che l’intelligenza musicale influisca sullo sviluppo emotivo, spirituale e culturale più che altre intelligenze, già si sapeva. Q uello che sorprende è che l’effetto Mozart possa essere attribuito anche ad altre realtà e suoni più… heavy! Il genere metal deriva dall’hard rock ed è caratterizzato da ritmi molto aggressivi e da suoni potenti ottenuti con distorsioni e amplificazioni. Le canzoni hanno temi onirici, politici, rabbiosi, tetri.
I ragazzi che ascoltano la musica metal si concentrano sui messaggi delle canzoni, sulla complessità dei testi, di solito estranea alla musica pop. Le band preferite? Metallica, System of a Down, Slipknot, Tool, Dragon Force, Forward Russia e In Flames. Quello che è certo è che l'heavy metal, d’ora in poi, non sarà più la musica dei disadattati e dei teppisti!
Alfred Tomatis, medico, scienziato e umanista, gran de studioso del suono, aveva dichiarato che «Mozart provoca il maggior effetto curativo sul corpo umano». Che esista anche un “effetto Iron Maiden”?
Posta un commento