lunedì, agosto 18, 2014

Manon Lescaut by Antoine François Prévost, Jean Sgard (Introduction), Leonard Tancock (Translation)

Manon Lescaut Manon Lescaut by Antoine François Prévost
My rating: 3 of 5 stars

Mentre leggevo il libro, quello che per me era strano era che, come Des Grieux era all'inizio, così coinvolto con la chiesa che era per lui così facile da dimenticare i suoi voti e le sue credoes religiose e così via. Poi è stata ancora più deludente quanto sia stato facile per lui per cercare la Provvidenza, una volta che lui era senza Manon, per sempre o no. Quindi mi chiedevo su queste somiglianze tra l'autore, Prévost, e Des Grieux: entrambi si trovano pace, alla fine del "abbraccio della Chiesa". Quando Prevost scrive Manon Lescaut era ancora "al di fuori della chiesa" correre da un paese ad un altro, ha anche messo "esiliato" dopo il suo nome, ma alla fine ha scritto che uno dei suoi personaggi più controversi trovare conforto tornando alla chiesa; Des Grieux dice: "La mia tranquillità della mente di essere nuovamente restaurata, la mia cura rapidamente seguito ho cominciato a sentire solo le più alte aspirazioni di onore, e diligentemente svolto le funzioni della mia nomina, mentre aspettavo l'arrivo delle navi di Francia, che erano sempre dovuti. in questo periodo dell'anno. ho deciso di tornare al mio paese natale, non per espiare lo scandalo della mia vita precedente per la mia futura buona condotta. "(Manon Lescaut pag 327). Quindi, la mia tesi è che Prévost molto prima che realmente è tornato "all'interno della chiesa", ha scritto questo romanzo con lo spirito di un prete che non è riuscita e forse lui sapeva cosa stava per accadere e probabilmente preparato il terreno con questo libro, anche se è stato bandito e bruciato a Parigi. Ho visto in questa certezza di Des Grieux, che tornando alla sua fede sarebbe l'unica cosa portare conforto alla sua anima e corpo, che l'Abbé Prévost si era diviso tra i suoi desideri in conflitto per una vita religiosa da una parte, e il suo gusto per piacere mondano nell'altra. Così sembra probabile (per me) che il personaggio di De Grieux può essere basata, almeno in parte, su l'autore e ci possono anche essere stato un omologo della vita reale di Manon. Tutti possiamo tornare alla ragione umana contro il perdono divino? Quindi forse questo è il motivo per cui Manon muore nel momento in cui ha "visto la luce" e ha "aperto gli occhi" del suo amante. Ma forse il romanzo di Prévost non è solo un capolavoro di introspezione psicologica, una confessione personale, ma è come un grido di un'anima sofferente per i suoi peccati e rimpianti, alla ricerca di una spiegazione per le proprie colpe. Così, alla fine penso che Prévost non andò molto lontano dal suo contesto cristiano, quindi non posso davvero vedere Manon Lescaut come come un romanzo pre-romantico, forse giansenistic (P. Trompeo, Vecchie e Nuove Rilegature gianseniste, Napoli, 1958 , pag. 155.), ma non preromantica, o forse dipende semplicemente dal lettore.

View all my reviews While I was reading the book, what for me was strange was that, as Des Grieux was at the beginning, so involved with the church it was for him so easy to forget about his votes and his religious credoes and so on. Then it was even more disappointing how easy it was for him to search for Providence, once he was without Manon, forever or not. So I was wondering about these similarities between the author, Prévost, and Des Grieux: they both find peace at the end in the "embrace of the church" . When Prevost writes Manon Lescaut he was still "outside the church" running from one land to another, he even put "exiled" after his name but eventually he wrote that one of his most controversial characters find solace going back to the church; Des Grieux says: "My tranquillity of mind being again restored, my cure speedily followed. I began only to feel the highest aspirations of honour, and diligently performed the duties of my appointment, whilst expecting the arrival of the vessels from France, which were always due at this period of the year. I resolved to return to my native country, there to expiate the scandal of my former life by my future good conduct."(Manon Lescaut pag 327). So my thesis is that Prèvost long before he really went back "inside the church", wrote this novel with the spirit of a priest that failed and maybe he knew what was going to happen and he probably prepared the ground with this book, even if it was banned and burnt in Paris. I saw in this certainty of Des Grieux, that going back to his faith would be the only thing bringing solace to his body and soul, that the Abbé Prévost himself was torn between his conflicting desires for a religious life on the one hand and his taste for worldly pleasure in the other. So It seems likely (to me) that the character of des Grieux can be based, at least partly, on the author and there may even have been a real-life counterpart to Manon. Can all go back to Human reason against divine forgiveness? So maybe that´s the reason why Manon dies in the moment she "saw the light" and has "opened the eyes" of her lover. But maybe Prévost's novel is not only a masterpiece of psychological insight, a personal confession but it is as well as a cry of a soul suffering for his sins and regrets, looking for an explanation to his own faults. So in the end I think that Prévost didn´t get very far from his christian context, so I cannot really see Manon Lescaut as as a pre-romantic novel, maybe giansenistic (P. Trompeo, Vecchie e nuove rilegature gianseniste, Napoli, 1958,pag. 155.), but not preromantic, or perhaps it simply depends on the reader.

Posta un commento