giovedì, marzo 22, 2012

SERIE "THE GRAVEYARD QUEEN" BY AMANDA STEVENS

Amanda Stevens è cresciuta nelle colline di Ozarks e con tutto il loro folklore ha imparato a non attraversare la strada se c'è un gatto nero e a temere gli specchi rotti. Ha due gemelli e ama restaurare tombe come il suo personaggio più amato, inoltre colleziona tutto il possibile su Alfred Hitchcock. Quando non scrive nella sua casa di Austin, ama andare in macchina verso i vecchi cimiteri....
Sito dell'autricehttp://www.amandastevens.com/

Serie The Graveyard Queen:
-The abandoned (storia con protagonisti diversi che si rivedranno di sfuggita nella trilogia)
- The restorer
- The kingdom
- The prophet.

La saga di cui vi vorrei parlare oggi è veramente bella, grazie a NG ho avuto in anteprima anche l'ultimo libro e questo mi permette di darvi una visione d'insieme di quella che, a mio modo di vedere, è veramente un piccolo capolavoro in una categoria di mia creazione, credo, l'horror/thriller/paranormal romance e diciamo pure che c'è molto più horror che romance!
Amelia Gray è cresciuta nei cimiteri, suo padre ne curava uno e lei è diventata una restauratrice di tombe, lapidi e mausolei. Ormai è una professionista affermata, la chiamano da tutte le città più o meno piccole intorno a Charlotte, si trova a viaggiare parecchio e gestisce il suo blog, diventato famoso, perchè in un video che la riprendeva all'interno di un cimitero sembrava ci fosse un fantasma accanto a lei.
La storia di Amelia con i fantasmi però va molto più in là di così, lei li vede da quando aveva 9 anni ed è un segreto che condivide soltanto con il padre, anche lui un "vedente", che le insegna le regole per gestire questi esseri eterei, impiccioni e sempre molto freddi, che si attaccano agli essere umani per rubargli tutta la loro energia.
La prima regola consiste nel non riconoscerli, nel fare finta di non vederli insomma, la seconda riguarda il non attaccarsi mai a persone a loro volta possedute. E nonostante la nostra eroina sviluppi una meravigliosa "poker face" non è sempre facile fare finta di niente quando i fantasmi arrivano all'improvviso e le loro dita gelide ti toccano il collo. Personalmente più di una volta ho fatto un salto sulla poltrona o nel letto, era dai tempi di "Mucchio d'ossa" di S. King che non mi spaventavo così tanto per i fantasmi!
Nel primo libro Amelia incontra Jhon Devlin, poliziotto dal passato tormentato e attualmente perseguitato da due fantasmi che chiederà il suo aiuto per una serie di omicidi seriali, che sembravano essersi interrotti molti anni prima e che improvvisamente ricominciano proprio mentre Amelia comincia a lavorare al restauro del cimitero di Oak Grove; nel secondo libro faremo conoscenza dei lontani parenti di Amelia mentre nel terzo i nodi arriveranno al pettine, ma sono stata ben contenta di sapere che la scrittrice ha firmato un contratto per una trilogia che di nuovo prevede Amelia come protagonista. 
Amelia ha la spiacevole fortuna di trovarsi quasi sempre al posto sbagliato nel momento sbagliato, ma quello che più mi è piaciuto di questo personaggio è che fortunatamente passa proprio poco tempo a piangersi addosso, anche se a volte ne avrebbe più di un motivo, ed è sempre piuttosto coraggiosa anche se certe volte più che di coraggio parlerei di imprudenza, ma chiaramente partiamo da due punti di vista molto diversi, io non amo i cimiteri, nè li trovo rilassanti.
Se il primo libro di questa serie a volte mette troppa carne sul fuoco è anche vero che leggendo la trilogia in modo consecutivo ho passato tre giorni veramente di full immersion perchè la Stevens scrive bene e non si perde in dettagli inutili che farebbero perdere mordente alla storia, mi ha anche portato a ricredermi considerato che io i libri con i fantasmi li schifavo anche un pochetto, ma questo genere di giallo/horror è stato veramente appassionante!

Voto per tutta la serie: 

Titolo:The restorer
Autore: Amanda Stevens
Serie: The graveyard Queen
Edito da: Mira
Prezzo: 11 euro
Genere: Horror/Paranormal/Thriller romance
Pagine: 376 pag.
Data uscita
: Aprile 2011




Posta un commento