giovedì, marzo 05, 2015

The Whitstable Pearl MysteryThe Whitstable Pearl Mystery by Julie Wassmer
My rating: 4 of 5 stars

I cozy mystery, così chiamati da poco tempo, ma che risalgono probabilmente a Miss Marple, hanno l’innato pregio di essere una rapida e confortevole lettura.
Senza voler scomodare Agatha Christie, questo genere, che ormai non è proprio più possibile considerare di nicchia, abbonda sugli scaffali delle nostre librerie. È tendenzialmente scritto da autrici donne che di solito risiedono nel Regno Unito ed erano sceneggiatrici della BBC; probabilmente hanno fatto fronte comune per difendersi da E.L. James e le sue opinabili sfumature di grigio ;-)
A parte gli scherzi, questo è il primo volume di una nuova serie, il cui seguito è previsto per Ottobre 2015 e vede come protagonista Pearl, ristoratrice di successo, con una madre che vive come se avesse 20 anni pur avendone 60 ed un figlio giudizioso e con buon gusto in fatto di fidanzate.
Il festival delle ostriche è al culmine quando Pearl scopre il cadavere del suo amico Vinnie, pescatore, che sembra aver avuto un’incidente sulla sua barca mentre tirava a bordo l’ancora. Sarà un caso che proprio la stessa mattina uno dei rarissimi clienti dell’agenzia investigativa appena aperta da Pearl, le avesse fatto espressa richiesta di cercarlo per riscuotere un debito che la vittima aveva contratto?
Da questo momento in poi Pearl si trova coinvolta, suo malgrado ma con molta gioia, in un intrigo che prevede la scoperta casuale di un’altra vittima, un orecchino spaiato, il passato che ritorna e la nuova fidanzata di suo figlio, che in tutto questo è quella che le da più da pensare.
Il libro è ben scritto e scorre, i personaggi secondari sono tutti molto ben descritti e collaborano a rendere la vicenda chiaramente immaginabile, a partire dalla mamma Dolly per continuare con il figlio Charlie e per finire con l’ispettore capo McGuire, che comincia con il considerare Pearl una sospettata per finire a condividere con lei qualcosa in più che gli indizi.


View all my reviews
Posta un commento