venerdì, aprile 17, 2009

Scott Westerfeld "I diari della mezzanotte" vol.1 Newton Compton
Secondo libro d.p., prestato da amico quindi letto in fretta, peccato, era il primo di una trilogia, a saperlo avrei aspettato di avere gli altri due tra le mani che, per inciso, in inglese sono già usciti.
Dallo stesso scrittore della trilogia di Brutti (storia decisamente particolare) e considerato uno scrittore per giovani adulti, l'autore sforna una già vista storia sulla venticinquesima ora, quella che possono vivere solo gli oscuri e gli umani nati precisamente allo scoccare della mezzanotte, mentre il mondo attorno a loro si pietrifica per un'ora.
Ambientato in epoca contemporanea nel profondo Oklahoma, narra di 4 ragazzi - i midnighters- e dell'arrivo di una quinta, che movimenterà un po' il panorama dell'ora blu, scritto scorrevole e con qualche idea innovativa, ma non troppo.
Attualmente ritengo stiano un po' cavalcando il filone aperto da Twilight, un po' di magia, un po' di mistero e una vecchia sana storia d'amore, ma c'è da dire che la ricetta tiene e vende, peccato avere un po' troppi anni per goderne appieno, questo non significa ovviamente che appena posso non mi leggo gli altri due volumi.
Piacevole e leggero, magari aspettate di stare sotto l'ombrellone o aspettate che la Newton Compton pubblichi il volumone che raccoglierà le tre storie.
Posta un commento