giovedì, aprile 09, 2009

Diego De Silva "Non avevo capito niente" Einaudi 16.00
Prima di tutto oggi è il complemese di mio figlio, quindi ne approfitto per fargli tanti auguri e lo ringrazio perchè pur essendo sveglio dalle due di stanotte ora dorme....poi mi chiedo per quale ragione (sbagliata) non riesco mai a dormire durante il giorno, ma questo almeno mi permette di aggiornare il blog, visto che siamo rimasti a parecchio tempo fa.
Il libro in questione è veramente molto bello, nonostante sia stato probabilmente uno di quelli che ho letto in modo più frammentato è riuscito a mantenere una certa continuità, fondamentalmente perchè fa molto ridere, ma fa ridere spesso di cose agghiaccianti, una versione scritta de "I mostri" per capirsi, ma non quello ultimo, i primi due.
Vincenzo Malinconico (nomen omen) è l'avvocato divorziato protagonista del libro, con una ex-moglie ciclotimica, un figlio adolescente - con tutte le conseguenze del caso- una saggia figliastra, una guardia del corpo camorrista e un'amante bellissima. La storia non è particolarmente intrigante, a mio modo di vedere la cosa migliore del libro sono le riflessioni del protagonista sulla vita stessa, sulle relazioni ( "...spesso la gente non ha le emozioni chiare, altro che le idee.") specialmente quelle tra uomo e donna e quelle sui figli, ma ci sono degli episodi che mi hanno fatto venire mal di pancia dalle risate, su tutti la scena del volpino.
Credo che la cosa migliore di questo scrittore, ma chi sono io per dirlo, sia la capacità di immedesimarsi e di dare voce ad una serie di pippe mentali da manuale, che con il loro sfondo agrodolce appartengono un po' a tutti. Secondo me è da leggere, comunque se ne volete sapere di più, ne parlano qui e qui.
Ciao ciao
Posta un commento