martedì, agosto 12, 2008

I quattro libri delle piccole donne: Piccole donne-Piccole donne crescono-Piccoli uomini-I ragazzi di Jo di Louisa May Alcott - Einaudi 17.30 euro

Ho guardato da lontano questo libro per mesi, aspettandolo e pregustandone almeno la metà, sino a che Einaudi non ha deciso di procedere con gli scontoni del 30%. Felice e fiera del mio acquisto, impaziente di rituffarmi nelle pagine che da ragazzina mi avranno tenuto compagnia almeno... trenta-trentacinque volte e di conoscere gli altri due romanzi che non avevo nella piccola biblioteca di casa ho cominciato e...a partire dalle prime pagine la delusione ha caratterizzato questa lettura amarcord.

Io non conosco chi si occupa dei traduttori in Einaudi, nè chi sia il correttore di bozze, ma da una casa editrice che aveva Pavese e la Pivano in "scuderia"e specialmente per una raccolta che poteva non essere mandata in stampa in fretta e furia, dato che ha ben più di un secolo, mi aspettavo qualcosa di completamente diverso.

Non solo i personaggi, ricchi di carattere e squisitamente d'epoca, sono tratteggiati con dialoghi spicci ed eccessivamente moderni, intervallati invece da tinte d'antan, ma il testo è zeppo di errori, dimenticanze, cambi di genere e improvvisa scomparsa di soggetti.

La storia, per chi non la conoscesse, è quella delle quattro sorelle March nell'America della guerra di secessione, ragazze che pur non muovendosi da un microcosmo molto familiare danno il ritratto di donne molto diverse tra loro e, per quanto possibile a quell'epoca, vivono nella ricerca di una indipendenza a partire dai propri difetti per arrivare al lavoro, sia pure per gradi diversi, sia pure mosse da una stretta morale (anche se non da moralismo). Ovviamente ne consiglio la lettura, ma non in questa versione.

Buone vacanze Socia Bassa!

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao! Ti ho appena aggiunta come "vicina" su anobii e sono pure venuta a fare un saltino nel tuo bel blog... buona lettura! Dany.

Valeria ha detto...

Oddio... O_O
Il moroso mi ha regalato proprio questo tomone qualche mese fa sicuro che mi sarebbe piaciuto ri-leggere le storie delle sorelle March, visto anche che il quarto volume non l'ho mai letto.
Sapere che l'edizione - oltre tutto, come tu hai detto, di una casa editrice come l'Einaudi - è un po' fuffa mi ha lasciata a bocca aperta.

Valeria ha detto...

Oddio... O_O
Il moroso mi ha regalato proprio questo tomone qualche mese fa sicuro che mi sarebbe piaciuto ri-leggere le storie delle sorelle March, visto anche che il quarto volume non l'ho mai letto.
Sapere che l'edizione - oltre tutto, come tu hai detto, di una casa editrice come l'Einaudi - è un po' fuffa mi ha lasciata a bocca aperta.

GONZO ha detto...

thanks O_____O

aleike ha detto...

Ma veramente hanno fatto questa "pecionata" come si dice a Roma? che brutta cosa!:o(

weirde ha detto...

Per fortuna ho la mia versione di quando ero bambina. Molto bella anche la serie di Lucy Maud Montgomery, su Anna dai Capelli rossi, ben sei libri, che sguono tutta la sua vita. Libri additati qui in Italia come per ragazzi, che invece meriterebbero di essere messi sugli stessi scaffali di Jane Austen, E Via col vento. Arrivano addirittura a rattare temi molto moderni per l'epoca come l'educazione femminile, l'aborto spontaneo, ecc..