venerdì, marzo 21, 2008

"L'uomo che credeva di non avere più tempo" Guillaume Musso "Chi ama torna sempre indietro"
Dopo la Certosa di Parma mi serviva qualcosa che si leggesse da solo e l'ho trovato.
Prendete una parte di Nicholas Sparks (quello de "Le parole che non ti ho detto" per capirsi) mischiatelo con una parte di Monsieur de La Palice (Fabio Volo) e unite tutto in pasta Segal (Erich, no Steven) ed ecco il nuovo talento della letteratura francese.
Ho cominciato da l'Uomo...e mi sono trovata tra le mani un libro carino, scritto bene, abbastanza scontato (anche la fine pure se non per tutti potrebbe non essere così) e decisamente molto delicato, fin troppo.
Non è un brutto libro anzi, ma credo che sia proprio chicken lit senza dichiararlo, forse perchè lo scrittore è un uomo, ma siamo alla fiera dei buoni sentimenti, delle opportunità che nella vita capitano una volta sola, di quelle scelte che condizionano per sempre e mi fermo qui nella speranza di essere stata chiara.
Quando ho preso in mano Chi ama..., ho pensato che se ci avevo messo tre ore a leggere il primo, questo.... e invece no, perchè nel secondo mi sono messa a cercare tutti gli svarioni temporali che l'autore mette in atto.
Premesso che se siete amanti della fantascienza questo libro vi sembrerà un'eresia, i viaggi nel tempo non dovrebbero essere trattati con una tale leggerezza, i puristi del genere (tra cui mi annovero a torto o a ragione) potrebbero rimanere particolarmente scioccati dalla faciloneria con cui si affronta uno degli argomenti sacri della letteratura Sci-Fi.
Per capirsi è come se Liala si mettesse a disquisire sul teletrasporto, non si può proprio sentire!
Comunque, se siete appassionati di libri da ombrellone e considerato Fabio Volo uno scrittore, questo autore fa per voi, io continuerò a leggerlo se lo pesco in edizioni ultraeconomiche come questi primi due o se me li prestano (meglio), se però non appartenete ad una delle categorie precedentemente menzionate non dite che non vi avevo avvertito....
Posta un commento