venerdì, luglio 13, 2007

Harry Potter and the Order of the Phoenix (E come potevo non recensirlo…)

Iniziamo subito togliendoci il sasso dalla scarpa, la nota stonata, il quid che non ti fa uscire dal cinema con il sorriso legato alle orecchie:
che la scena finale del dialogo con Silente, motore di sette libri e chiarimento fondamentale di tutta la storia, del destino di Harry, sia stata ridotta a 30'' è francamente inaccettabile. Allungarla di due minuti non avrebbe certo pesato sulla produzione né appesantito il film e i Potteriani non potranno non notarlo.
Mentre altri escamotage anche molto arditi e lontani dal romanzo e una serie di tagli al testo (capirai, 38 capitoli fitti) passano senza creare grossi traumi, perché alla purezza della trasposizione abbiamo detto addio dopo il primo film e questo è innegabilmente il libro più cupo e complesso della serie, quel finale è davvero difficile da mandare giù…e gli sceneggiatori secondo me qualche mal di pancia lo avranno (curato immediatamente dai miliardi guadagnati…).
Per il resto: un film FANTASTICO!
L'interpretazione dei ragazzi migliora di anno in anno, le trovate comiche sono mooolto british, la resa degli effetti speciali è perfetta senza avere quella freddezza che si riscontra in troppe altre pellicole, l'elfo Kreacher è così brutto che ti dimentichi della sua cattiveria e vorresti metterlo in tasca, l'albero genealogico dei Black è meraviglioso, Ron ed Ermione sono la coppia più bella del mondo, Voldemort è IL MALVAGIO per eccellenza, il Ministero della Magia è esattamente come te lo immagineresti e molto di più, il volo su Londra di notte ha fatto saltare sulle poltrone del cinema come delle novenni due donne adulte e vaccinate, Tonks è incredibilmente indovinata e bella, Luna è Luna, la perfida Umbridge è interpretata senza una sbavatura e i gemelli Weasley sono i soliti fighi.(altro che Clooney, datece i twins!!!!)
Insomma, primo tempo perfetto, secondo meno, ma assolutamente da vedere.
(e in lingua originale anche di più, il cinema era pieno di anglofoni in vacanza che non hanno fiatato, un paradiso per me, che normalmente detesto la chiacchiera da cinema e figuriamoci quando di mezzo c'è il maghetto).
Prossima tappa: Londra, alla release del settimo libro, con tappa a Diagon Alley. Cosa deve fare una Gonza per essere "sul pezzo"…

Ps Se qualcuno non avesse ancora idea di che diavolo io stia parlando...http://en.wikipedia.org/wiki/Harry_Potter
Posta un commento