giovedì, marzo 29, 2007

Di 5 per 1000
Cari amici, nessuna recensione stavolta, ma un breve suggerimento se ancora non sapete a chi devolvere il vostro 5 per 1000.
Vi segnaliamo due associazioni da noi conosciute come estremamente serie in modo che non possiate un giorno pentirvi di aver devoluto loro dei soldi, per quanti pochi o tanti che siano.
Vi ricordiamo che per devolvere il 5 per 1000 è necessario: a) firmare nell’apposito riquadro che compare sui modelli di dichiarazione dei redditi (cioè: CUD 2007 per chi non è tenuto alla dichiarazione; Mod. 730 per chi dichiara attraverso il CAF o il proprio sostituto d’imposta; Mod. Unico per chi dichiara direttamente o tramite fiscalista di fiducia), dove è scritto: sostegno del/delle organizzazione non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale e delle associazioni riconosciute che operano nei settori di cui all’art.10, comma 1, lettera a) del D.Lgs. n. 460/1997 b) indicare, nello stesso riquadro, il Codice Fiscale dell'Associazione a cui volete devolvere i soldi; c) firmare nuovamente in fondo alla pagina della dichiarazione, dove richiesto.
La prima segnalazione che ci teniamo a farvi riguarda l'Associazione per l'Assistenza morale e Sociale negli Istituti Oncologici (AMSO: www.associazione-amso.it; amso@ifo.it) il cui Codice Fiscale è 97025440583.
La seconda segnalazione riguarda l'Associazione Disabili Vitalba, Onlus nata nel 1998 come associazione di familiari di disabili nel territorio della Provincia di Roma Nord, attivamente impegnata nella tutela dei diritti dei disabili e nella promozione di servizi, strutture e iniziative atte a favorirne il recupero e l’integrazione sociale, il cui codice fiscale è 97151670581. La somma che le perverrà tramite la destinazione del 5 per mille dell’IRPEF servirà per la realizzazione di una casa-famiglia per disabili.(Vitalba: info@vitalba.it - Sito: www.vitalba.it).
Vi ricordiamo anche che la scelta di destinazione del 5 per mille non è alternativa a quella dell’8 per mille già prevista, e possono essere espresse entrambe. In entrambi i casi (5 per mille e 8 per mille) non c’è nessun aggravio di spesa per il contribuente dato che gli importi destinati vengono prelevati dall’IRPEF e sono a carico dello Stato. Sia per il 5 per mille che per l’8 per mille si può scegliere un solo destinatario.
Ringraziamo la mammonza e Flavio per la segnalazione e, se vi va, passate parola!
Posta un commento