venerdì, gennaio 19, 2007

Laurell K. Hamilton e il ciclo di Anita Blake, cacciatrice di vampiri.
Ebbene sì la parola romana per la situazione attuale è che "sto a rota " coi vampiri.
Terminata in brevissimo tempo la storia di Edward e Bella, mi sono messa a cercare qualcosa di vagamente simile tra coloro che avevano apprezzato il genere, e che magari superassero i 15 anni. Ho trovato un commento su IBS che diceva che la storia tra i due protagonisti dei racconti della Meyer era di molto inferiore per intensità e bellezza a quella tra Anita e Jan-Claude; il blasfemo doveva essere punito, ma avevo bisogno di ulteriori informazioni.
Mi sono messa a fare una ricerchina e ho scoperto che a mia totale insaputa erano usciti ben 13 libri a firma L.K.Hamilton in cui si dipanava la storia della bella Anita Blake, cacciatrice di vampiri, risvegliante e negromante, combattuta tra l'amore per un vampiro e un licantropo, quindi la Mayer non e' che si fosse proprio inventata niente.
A differenza poi di Twilight, i primi sei libri della Hamilton (tra l'altro quelli finora tradotti e usciti per la Nord) sono dei veri e propri gialli, in cui l'eroina deve sconfiggere mostri, sacerdotesse vodoo e fate cattive, in una realtà in cui i vampiri, licantropi, zombi e quant'altro vivono in pacifica (più o meno) coabitazione con gli umani e dove per uccidere un vampiro con il solito paletto si deve avere un mandato dal giudice; paradossale, ma estremamente divertente a volte. Le creature fantastiche come ultima forma di xenofobia, potrebbe essere l'argomento di un'eventuale tesi di laurea in letteratura idiota.
La Hamilton scrive sempre meglio con l'aumentare del numero dei libri e la protagonista non perde mai il suo humor nero che mi fa sogghignare mentre leggo sulla metro.
Se vi servono ulteriori informazioni, ma occhi agli spoiler, c'è un sito italiano molto aggiornato sull'argomento: http://www.anitablake.it/
La mia decisione tra quale delle due saghe sia migliore resta ancora in sospeso, anche perchè nessuna delle due autrici ha intenzione di farle terminare, almeno a stretto giro di posta, ma per me è solo un piacere sapere di poter tornare ogni tanto a leggere dei vecchi amici..
Conto sulla socia gonzica per farvi recensire altri libri che non siano strettamente di argomento vampiresco, io per un pochino avro' da fare....
Posta un commento