sabato, dicembre 10, 2005

J.T. Leroy

Ci sono libri che fanno male, a prescindere dal modo in cui sono scritti.

Ti tagliano l'anima e preferiresti non averli mai letti, ma forse non è poi tanto vero nemmeno questo. Quando poi lo stesso scrittore se ne esce con una novità, ti scordi forse o fai finta, e lo ricompri e la ferita che si era rimarginata torna a sanguinare, ancora ed ancora. J.T. è così, a metà strada tra il grottesco e l'agghiacciante, racconta storie tristissime e mentre le leggi ti ritrovi anche a sorridere. Quando ho letto Ingannevole è il cuore sopra ogni cosa, mi sono ripromessa che una delle sue opere era più che sufficiente, poi l'occhio mi è caduto su Sarah e ho pensato che visto che conoscevo l'argomento, stavolta sarebbe stato più semplice..... ingenua. La fine di Harold è più delicato, a modo suo più sfumato e sottile e poi dura pochissimo, ma lascia l'amaro in bocca, come tutti gli altri.Non so se consigliarvelo e poi scappare o negare di averlo mai fatto, oppure dirvi che forse non è il caso, il mondo è già abbastanza brutto ad una prima occhiata e forse non è così poi tanto necessario scendere nei dettagli...

Posta un commento